• Implantologia Isoelastica in PEEK
  • Perche’ l’implantologia Isoelastica?
  • Estetica
  • Durata
  • Controindicazioni
  • Implantologia Isoelastica in PEEK

  • Perche’ l’implantologia Isoelastica?

  • Estetica

  • Durata

  • Controindicazioni

IMPLANTOLOGIA ISOELASTICA

PEEK è bioinerte, anallergico e totalmente privo di metallo

Che cos’e il PEEK?

PEEK (PoliEterEterChetone – materiale termoplastico semi-cristallino) è stato sviluppato e brevettato dall’ ICI – Internationa Chemistry Industry – nel 1982.

Questo materiale vanta più di vent’anni di richerche e stuperso-bperso-cdi che hanno dimostrato la sua biocompatibilità e bioinerzia.

Nel 1993 la sua prima applicazione clinica come impianto dentale in Francia.
Nell’arco di un decennio sono stati utilizzati circa 4000 impianti in PEEK, con eccellenti risultati.
Il PEEK è un polimero isoelastico, bioinertebiocompatibile, anallergico e privo di metalli.

 

Questo materiale è inerte,  senza corrosione, senza controindicazioni.

Gli Impianti in PEEK non si rompono né si rovinano, perfino dopo 5 milioni di cicli,
la loro struttura è ultraleggera, 10 grammi, compiono tutte le proprietà fisiche richieste.

Il PEEK, mescolanza composita di polyetherethercetone (PEEK) e di materiali inerti, è utilizzato in varie branche della medicina moderna, come ortopedia, chirurgia della colonna vertebrale ed in chirurgia cranio-facciale. Le proprietà biologiche e meccaniche di questo materiale ne fanno uno dei candidati, se non il migliore, nell’implantologia dentaria moderna. I risultati di un studio sperimentale realizzato su dei prototipi di trapianti basali mostrano che il PEEK è, al contrario del titanio, un materiale mescolato (compound), che permette una migliore ripartizione delle forze intorno all’impianto.

Testimonianze

  • p3

    Dopo aver provato a riabilitare la propria funzione masticatoria con l’implantologia convenzionale, ha scoperto di essere allergica ai metalli. Grazie alla implantologia isoelastica ed alla tecnologia del PEEK è riuscita a riabilitare in maniera definitiva e fissa le sue arcate dentarie. Tale allergia avrebbe altrimenti costretto Laura ha sostituire le assenze dentarie con un apparato proteico rimovibile, in quanto il suo organismo sembrerebbe non accettare i metalli presenti nella tradizionale implantologia dentale.

    Laura 52 anni,

  • p4

    Alberto ha scelto di avere un approccio olistico alla salute, al momento della sostituzione dell’elemento dentario ha scelto di non usare metalli. Questo e’ stato reso possibile grazie alla sostituzione della sua radice dentale con un impianto artificiale in PEEK totalmente privo di metalli, per una serie di vantaggi che questo materiale presenta rispetto ai materiali tradizionali. (che cos’è il PEEK)

    Alberto 62 anni,